Home Biologico Come educare al consumo alimentare consapevole – La mia intervista per Copywriting...

Come educare al consumo alimentare consapevole – La mia intervista per Copywriting del Benessere a cura di Anna Fata

40
0

Intervista a Simona Riccio sul consumo consapevole per Copywriting del Benessere di Anna Fata

Anna Fata:

Oggi vi è sempre più attenzione verso l’ampia sfera del consumo, nella sua ampia esperienza di informazione, conoscenza, educazione, consapevolezza, scelta, acquisto, consumo, smaltimento ed effetti ad ampio spettro sulla salute fisica e psichica individuale, oltre che sulle ripercussioni sociali, ambientali, economiche, politiche, geografiche, ambientali, etiche. In questo processo di informazione giocano un ruolo centrale gli esperti della comunicazione, che fanno da tramite tra i tecnici, gli scienziati, gli addetti ai lavori, che spesso si esprimono con tecnicismi e linguaggi poco accessibili a chi non è del settore, e il grande pubblico, che con tono divulgativo e comprensibile possono favorire la comprensione di concetti anche molto complessi e articolati.

Una maggiore diffusione della cultura del consumo consapevole pone sempre più persone nelle condizioni non solo di godere di maggiori libertà, ma anche di assumersi le proprie responsabilità ed effettuare delle scelte di acquisto e fruizione dei prodotti e servizi che siano etiche, rispettose di sé stessi, gli altri, l’ambiente in cui si vive e si opera.

Cosa si intende con l’espressione “consumo consapevole”? Se e come si può coltivare? Come la comunicazione può operare al fine di stimolarlo nelle persone? Nel settore della alimentazione, in particolare, come si può declinare tutto questo?

Ne abbiamo parlato con Simona Riccio, LinkedIn Top Voice 2020, Agrifood & Organic Specialist, Digital Strategist Consultant in Agrifood, Social Media Marketing Manager, Ambassador at Centro Agroalimentare Torino S.C.P.A, PA Social, Fondatrice Associazione Nazionale Le Donne dell’Ortofrutta, Conduttrice del programma #ParlaConMe.

Grazie mille Anna, è stato un grande piacere.

Simona

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here