Home Biologico Comunicato Stampa “La crisi climatica in agricoltura: quali le conseguenze se non la si...

“La crisi climatica in agricoltura: quali le conseguenze se non la si prende in considerazione seriamente?”– Puntata del 03/06/2021

38
0

Dopo l’interessante puntata dedicata ai packaging, il 3 giugno con la partecipazione di Marco Dallera – presidente, assicuratore qualità ed addetto alle vendite della Cooperativa Azienda Agricola Il Casone di Isola Sant Antonio (Alessandria), andremo ad affrontare alcuni temi che proprio solo il 1° giugno ha avuto il piacere, in video conferenza, di trattare con il Ministro delle Politiche Agricole Stefano Patuanelli dove ha esposto alcune importanti criticità che gravano sul settore agroalimentare ed in particolare sulla filiera ortofrutticola.

Video Conferenza con il Ministro
delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali – Stefano Patuanelli

L’esperienza professionale di Marco Dallera nasce dal profondo conoscimento del settore considerando il suo lavoro con gli Ortomercati all’ingrosso, in primis con quello di Milano ed in passato anche con piattaforme della GDO. Su Facebook è ben riconoscibile in quanto è sempre molto attento alle vendite a Km zero e soprattutto molto appassionato alla meteorologia. Ma non parla senza sapere, appartiene ad un gruppo sia nazionale che locale, che si occupa dello studio degli effetti dei cambiamenti climatici in ambito ortofrutticolo. Già Membro del direttivo di una Organizzazione di Produttori ortofrutticoli Piemontese ed ex Presidente Cooperative agricole della Coldiretti della provincia di Alessandria.

Di cosa ha parlato con il Ministro che verrà riportato in trasmissione?

  • Recovery fund – quali i metodi utilizzati per le nuove risorse destinate al comparto? più efficienza e meno burocrazia. A tale proposito il Ministro ha ricordato che la cabina di regia sarà accentrata e costantemente monitorata da Palazzo Chigi al fine di evitare sprechi, disparità e risorse inutilizzate.
  • Maggiore attenzione alla filiera ortofrutticola italiana che è in grado di offrire un’offerta qualificata di prodotti sia per il mercato interno che per l’export, ma che purtroppo ne emerge ancora un settore in crisi sia per vecchi nodi del periodo pre-pandemico mai risolti definitivamente dalla classe politica.
  • Riforma del credito agrario specifica per il comparto, carente presenza politica nella materia delle avversità climatica in agricoltura, internalizzazione soprattutto per le piccole e medie imprese, struttura logistica carente
  • I mercati ortofrutticoli all’ingrosso. Come argomento è stato trattato anche sotto forma di invito al Ministro di visitarli in pieno funzionamento al fine di comprendere meglio il ruolo che ricoprono all’interno della filiera agro-alimentare, ma anche e soprattutto comprendere la qualità dei prodotti che transitano all’interno ed il lavoro degli operatori.
  • Particolare attenzione è stata richiesta per quanto concerne la comunicazione. E’ necessario investire in comunicazione, in marketing digitale, in digitalizzazione e creare campagne istituzionali sfruttando i mass media e socialnetwork al fine di fare conoscere il settore, i prodotti, sensibilizzare il consumo regolare, stagionale, diversificato e in sicurezza dell’ortofrutta italiana soprattutto quest’anno l’assemblea generale dell’Onu ha dichiarato il 2021 l’Anno internazionale della frutta e della verdura.

Marco esce da questo incontro soddisfatto considerando l’impegno e la disponibilità dimostrata da parte del Ministro Patuanelli. Un impegno importante per un settore trainante che merita di essere seriamente considerato. Il Ministro ha 20 mesi di attività davanti a sé dove si impegnerà anche nel settore vitivinicolo. Un settore che ritiene, giustamente, meritevole di stanziamenti e di maggiori risorse strategiche.

Con l’auspicio di incontrare al più presto il Ministro, affronteremo in radio di quanto è stato detto.

La trasmissione viene trasmessa in diretta web-radio da Radio Vida Network sul sito www.vidanetwork.it e tramite app Radio Vida Network.

Per collegarsi ed ascoltare la trasmissione:

– collegarsi al sito www.vidanetwork.it

–  app ufficiale RADIO VIDA NETWORK scaricabile gratuitamente per IOS e ANDROID

– nei maggiori aggregatori di radio

– su speaker Alexa e Google Home

REPLICHE:

–  REPLICA il giorno successivo – venerdì – alle ore 9.00 

–  REPLICA il sabato mattina della settimana successiva alle ore 11.30 

PARLACONME è il titolo della trasmissione radiofonica ideata da Simona Riccio, Agrifood & Organic Specialist e LinkedIn Top Voice Italia, in onda da dicembre 2020 su Radio Vida Network (www.vidanetwork.it ) che si pone l’obiettivo di porre al centro dell’attenzione l’intera filiera agroalimentare, coinvolgendo numerosi ospiti in studio e collegamento telefonico dall’Italia e dal mondo.

Simona Riccio, laureata in Comunicazione Internazionale e Pubblicitaria presso l’Università per Stranieri di Perugia, con un’esperienza ultra-ventennale nel settore del biologico è Social Media Marketing Manager e Ambassador del Caat – Centro Agroalimentare di Torino e svolge altre consulenze nel settore dell’Agrifood & Organic.

Gli obiettivi principali di PARLACONME consistono nel valorizzare, promuovere, tutelare e far conoscere la filiera agroalimentare italiana, creare consapevolezza sul ruolo importante che riveste nel valorizzare l’identità della cultura materiale del nostro Paese e sull’importante ruolo strategico che dovrebbe avere, oltre a creare occasioni di confronto e collaborazione tra i vari attori del sistema.

PARLACONME vuol dare voce a numerosi soggetti appartenenti alla filiera agroalimentare, dando loro la possibilità di raccontare le proprie storie ed esperienze, le proprie criticità ma, soprattutto, le numerose opportunità che si dimostrano capaci di cogliere, creando quella sinergia in grado di rendere il settore agroalimentare trainante per l’economia italiana e tale da costituire un’eccellenza a livello internazionale. Confronti e opportunità che permettano a molti cittadini di conoscere meglio un universo culturale fatto d’identità e amore per la buona tavola e di un’alimentazione sana e consapevole.

Simona Riccio

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here