Home Comunicato Stampa Made in Italy: Mercato interno & mercati internazionali, dove, come, quando RI-PARTIRE

Made in Italy: Mercato interno & mercati internazionali, dove, come, quando RI-PARTIRE

19
0

Webinar, 24 aprile 2020

Italian Export Forum.

Il 24 aprile alle ore 17.30 ho partecipato al webinar live dove sei esperti di settore, con un moderatore molto bravo Emidio Piccione, si sono alternati per parlare di: “Made in Italy: Mercato interno & mercati internazionali, dove, come, quando RI-PARTIRE”

Molto interessanti gli interventi dei relatori del meeting che condivido in pieno. Molto ci sarebbe da dire e ore starei ancora ad ascoltarli, ma come sempre provo a condividere e sintetizzare qualche punto discusso dagli imprenditori. Qui potete ascoltare la live Facebook

📌 Paolo Barletta – Ad del Gruppo Barletta SpA – parla di #Turismo che probabilmente ripartirà nel 2021, nel frattempo non si può stare a guardare, laddove possibile si cerca di investire in #rinnovo locali, ma si chiede al governo di investire nella nostra #compagnia di #bandiera. Molti i millennials nel mondo che vorrebbero visitare la nostra Italia (food, Wine, cultura e simpatia)

Propone: possibilità di investire e +fiducia agli imprenditori. Necessarie le competenze al governo per comprendere le vere esigenze aziendali.

📌 Prof. Antonio Giordano – Presidente Sbarro Health Research Organization e Membro dell’Istituto Superiore di Sanità, – propone di investire in infrastrutture mediche e sulla ricerca scientifica tecnologica, cosa mai fatta in Italia.

📌 Matteo Marzotto – Imprenditore – “bello tosto direi” sostiene che c’è una mancanza di sostenibilità da parte dei governi italiano ed esteri. Ci sono poche persone competenti che comprendano il settore.

Propone: Fiscalità semplificata, trattare le aziende come stabilizzatori sociali, più liquidità immediata a condizione di dare lavoro organizzato.

📌 Giordano Riello – Presidente Nplus Gruppo Giordano Riello International: Spesso ci sono ostacoli per la crescita aziendale come x esempio additare lo smartworking da parte dei sindacati. Adattarsi alle emergenze senza creare problemi. Azioni straordinarie in momenti straordinari.

Propone: meno burocrazia e+snella, rivedere il costo del lavoro. Meno tasse più soldi in busta paga.

📌 Giorgio Santambrogio – Amministratore Delegato Gruppo VèGè e Presidente di ADM Associazione Distribuzione Moderna: il retail ha avuto a che fare con decreti e ordinanze di difficile interpretazione. Vi è stata una mancata cabina di regia, le regole non erano chiare ed uguali per tutti. Ci si trovava a dover gestire situazioni al limite del buon senso. Le aperture e le chiusure ci sono state per ovvi motivi, ma adesso è necessario aprire le domeniche per dare un servizio ed un lavoro a chi fino ad ora ha dimostrato grande responsabilità ed attaccamento al lavoro.

Propone: semplificazione burocratica, chiarezza, liberalizzazione degli orari di apertura e forte impegno contro l’italianità sounding. Tutela del madeinitaly, promozione e valorizzazione delle aziende agricole minori.

📌 Lorenzo Zurino – presidente del Forum Italiano dell’Export : chiarezza e regole chiare. La crisi arriverà quando le attività inizieranno. Adesso siamo ancora in casa e non stiamo vivendo la crisi.

Complimenti a tutti e a Emidio Piccione – moderatore.

[ Made in Italy: Mercato interno & mercati internazionali, dove, come, quando RI-PARTIRE ]Molto interessanti gli…

Pubblicato da Simona Riccio su Lunedì 27 aprile 2020

Grazie,

Simona

#competenze #regole #investimento #burocrazia #retail #imprenditoria #madeinitaly

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here