Home 2018 2019 “Le nuove Frontiere del digitale Blockchain e Intelligenza artificiale per la tutela...

“Le nuove Frontiere del digitale Blockchain e Intelligenza artificiale per la tutela della filiera e lo sviluppo smart dell’agrifood”. Parola ai Relatori

325
0

> Argomento Relatore 5/9 – BLOCKCHAIN – William Nonnis <

Entriamo in zona “Calda” per quanto concerne un argomento parecchio attuale in questo momento ed è proprio uno degli argomenti trattati nei giorni del 6 e 7 giugno scorsi, prima a Catania presso il Mercati Agro-Alimentari Sicilia SCPA e poi a Palermo presso Sicindustria, si è tenuto il convegno su “Le nuove Frontiere del digitale Blockchain e Intelligenza artificiale per la tutela della filiera e lo sviluppo smart dell’agrifood”.

Ricordiamo che ad entrambi i convegni abbiamo parlato di digital transformation, cambio culturale, un cambio importante necessario per sviluppare opportunità di business, dei suoi impatti nel comparto agro-alimentare, Al e Machine Learning, IoT, di blockchain, di product identity e di comunicazione digitale.

Oggi ho il piacere enorme di poter approfondire l’argomento BLOCKCHAIN con un super esperto.

William Nonnis
Full Stack Developer – Blockchain Consultant and Developer presso Ministero della Difesa

>>>> La blockchain private sono una truffa digitale economica poiché si pongono agli antipodi rispetto agli assunti stabiliti chiaramente nel famoso White Paper del 2008 di Satoshi Nakamoto.

>>>> La blockchain deve essere pubblica, trasparente e immutabile giacché solo questi tre elementi possono garantire sicurezza alla comunità.

Nel momento in cui si realizza una blockchain privata, si sta di fatto realizzando una Web application centralizzata ma con l’aggravante che la blockchain ha dei costi ben più alti, certamente non alla portata di tutti.

Per calarci in un contesto di applicazione reale come può essere per l’appunto il settore Agrifood, se la finalità perseguita è realmente quella di tutelare prodotto e consumatore finale,

>>>> la blockchain non può che essere pubblica per garantire che le informazioni sulle materie prime e i processi produttivi vengano acquisite dai device e successivamente elaborate con AI, in modo trasparente e incorruttibile (eliminando quindi a possibilità di errori umani ed eventuali contraffazioni ma soprattutto tagliando i costi di intermediazione).

Immaginate un mondo in cui a tutti è concesso il diritto di non avere dubbi in merito a cosa stanno acquistando; con una blockchain pubblica, in molti settori (ma non tutti è bene precisarlo), sarà possibile migliorare notevolmente l’esperienza del consumatore”.

NOTA PERSONALE: Proprio in questo caso non posso dire nulla perchè il vero esperto è William, certo è che è un discorso ed argomento non di facile comprensione, non alla portata di tutti, un futuro che sicuramente si dovrà adattare a questo, un argomento che deve essere spiegato in modo non troppo tecnico in modo che possa essere comprensibile, capito ed applicato.

Per chi avesse piacere di approfondire l’argomento e per chi avesse bisogno di essere formato, William è a vostra disposizione come tutti noi, potete contattarlo al contatto Linkedin.

E come direbbe lui: Buon Futuro a Tutti.

Noi professionisti siamo a disposizione di tutti voi perché ci sia una crescita del settore ed una riconoscibilità nel mondo.

A martedì con un altro grande professionista il Prof. Marco Santarelli Direttore Scientifico ReS On Network – Intelligence and Global Defence

>>> Leggi Report Riepilogativo qui <<<

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here