Home Eventi 2020 I Protagonisti dell’Ortofrutta Italiana. Genova, 24 gennaio 2020

I Protagonisti dell’Ortofrutta Italiana. Genova, 24 gennaio 2020

205
0

Dopo grande attesa, il 24 gennaio alle ore 16.00 a Genova presso la storica Sala delle Grida della Borsa Merci, inizia l’evento organizzato dal Corriere Ortofrutticolo.

Il dibattito alla Borsa è stato coordinato dal direttore del Corriere Ortofrutticolo Lorenzo Frassoldati e ha visto tra gli altri gli interventi di Claudio Scalise, direttore dell’agenzia bolognese SG Marketing, e di Corrado Giacomini, economista agrario dell’Università di Parma.

Dopo i saluti viene trasmesso un video registrato dalla Ministra alle Politiche agricole Teresa Bellanova. “Siete e siamo cresciuti. Spazio all’ortofrutta. recuperare sul mercato interno e lanciarsi nei mercati esterni anche alla luce del lavoro agricolo di qualità ed al patto con la GDO. Lavori di qualità, patto sulla sostenibilità. Crisi climatica e l’agricoltura stanno cambiando e dobbiamo essere in grado di affrontare. Sostenibilità, ricerca, innovazione buona competizione e lotta alle pratiche sleali. Massima disponibilità anche in ottica di riforma, no tagli all’agricoltura. Investimenti necessari.

Ricorda che oggi verrà assegnato il Premio Danila Bragantini riservato alle Donne dell’Ortofrutta. E’ un segnale importante che le fa piacere in quanto la nostra agricoltura ha bisogno di più Giovani e più Donne. Donne e giovani a cui verranno destinate misure e risorse.

Allineare la filiera del valore, importanza al made in Italy, saluta con parole incoraggianti”.

[ I protagonisti dell'ortofrutta – Tavola Rotonda ] Vi condivido il discorso della Ministra Teresa Bellanova che per…

Pubblicato da Simona Riccio su Venerdì 24 gennaio 2020

interviene Claudio Scalise, Direttore di SG Marketing che ha parlato della globalizzazione dei mercati e dei mezzi che permetteranno di trasportare le merci più velocemente da un posto all’altro della Terra, della diminuzione di export, di come cambiano le diete alimentari in Italia, di cosa si consuma maggiormente, di come si consuma il cibo, di dove si consuma, di quanto cresce il consumo di pasto fuori casa (e lo avevamo affrontato proprio poco tempo fa l’argomento), sui luoghi dove si acquista la merce, la crescita dell’e-commerce, di quanto sia importante creare PRODOTTI FACILI DA CONSUMARE ED UNICI, RICONOSCIBILI, LAVORARE SUL PACK E SULLA COMUNICAZIONE.

[ I protagonisti dell'ortofrutta – Tavola Rotonda ] Molto interessante l'intervento di Claudio Scalise, Direttore di…

Pubblicato da Simona Riccio su Venerdì 24 gennaio 2020

Durante la Tavola rotonda, dove sono intervenuti Marco Salvi Presidente di FruitImprese, Gennaro Velardo Presidente di Italia Ortofrutta Unione Nazionale, Fabio Pallottini Presidente di Italmercati, Gianmarco Guernelli Responsabile Ortofrutta Italia Conad, Albano Bergami Referente Nazionale ortofrutta di Confagricoltura e Patrizio Neri Presidente di Jingold, sono emersi argomenti molto interessanti soprattutto riguardo al posizionamento degli agricoltori rispetto alla richiesta da parte della GDO, durante l’evento di Marca relativo al patto “Rete del lavoro agricolo di qualità”

Lo scenario è che abbiamo da una parte gli acquisti di ortofrutta e dall’altra i produttori italiani. (agricoltori e Gdo)

Ho avuto modo di partecipare attentamente ai due super eventi ed in più l’agricoltura biologica quindi mi permetto di mettere a confronto le sfere che conosco abbastanza bene.

Scenario in grande cambiamento che bisogna conoscere molto bene, ascoltare, guardare, pensare, riflettere e farsi delle domande.

Partiamo da un punto fermo: i nostri prodotti alimentari sono i più controllati e sicuri in Europa, soggetti costantemente a controlli e la Gdo, super controllata, ne esce praticamente perfetta.

Ma allora, emerge dalla tavola rotonda a Genova, perché bisogna sempre dimostrare di essere a norma? Anche alla GDO?

Posizioni:

👉 Da una parte abbiamo la grande distribuzione Moderna che a tutti i fornitori agricoli diretti richiedera’ l’iscrizione alla “Rete del lavoro agricolo di qualità” dal 1 gennaio 2021

👉 Dall’altra abbiamo avuto in sala chi si è chiesto se le aziende si devono sentire offese perché siamo in un’Italia che deve sempre dimostrare di essere in regola seppur si sappia quanto lo siamo, ma allora si coglie la sfida e si fa.💪

👉 E poi si fa la domanda da parte degli agricoltori: perfetto, tu GDO mi vuoi in regola?

😉 ok, ma gli altri prodotti che arrivano dall’estero, rispondono alle stesse richieste che fai a noi italiani?

La parte Agricola accetta la richiesta della GDO ad una condizione: che le Regole siano uguali per tutti, partire tutti dalle stesse basi.

👉Conad, presente in sala, dice: noi non abbiamo problemi, x noi è già cosi.

👉 Io credo che sia importante che ci sia un mercato corretto x un senso di rispetto della filiera, perché anche le tre aste al ribasso per alcune insegne non vanno bene, ma io SO che la maggior parte delle insegne sono fatte di persone serie quindi io sono fiduciosa che se le due parti lavoreranno in collaborazione, sarà un buon mercato.

👉 C’è molto da fare in questa Italia agroalimentare, quindi cerchiamo di essere tutti più trasparenti per il consumatore e per il bene di tutto il madeinitaly

Il Ministero dell’agricoltura semplifichi la burocrazia altrimenti risulterà difficile, ma si può e si deve fare.

Termina il dibattito e dopo qualche foto nella splendida Genova con l’Amica Maria Pia Paolillo ed il fratello Ciro, ci si trasferisce nella magnifica location del Palazzo Ducale di Genova, guardate che splendore.

La serata a Palazzo Ducale è stata aperta dal Sindaco di Genova Marco Bucci.

Ha visto l’attribuzione dei tradizionali dieci riconoscimenti annuali ad altrettanti protagonisti del settore nell’anno 2019, tra i quali appunto l’Oscar è stato votato. Oltre a Guernelli, Neri e Pagni, hanno ricevuto il riconoscimento Marco Biasin, fondatore di FruttaWeb (Emilia Romagna), il genovese Giovanni Calvini , amministratore delegato di Madi Ventura,  Lauro Guidi, presidente del Consorzio Agribologna, Marco e Gualtiero Rivoira, titolari del Gruppo Rivoira (Piemonte), Salvatore e Carmelo Scarcella, presidente e coordinatore della produzione della OP CAI di Messina, Francesco Tardera, presidente del Consorzio Ioppì di Vittoria e Rosario Tomasi, fondatore e di direttore commerciale della siciliana Vittoria Tomatoes, tutti ‘campioni’ della produzione, dell’export e dell’innovazione.

Gianmarco Guernelli, responsabile ortofrutta Italia di Conad, si è aggiudicato ieri sera, nella Sala del Maggior Consiglio del Palazzo Ducale di Genova, l’Oscar dell’Ortofrutta Italiana 2020

Nell’ambito dell’evento è stato anche assegnato il premio BPER Banca Green Innovation 2020 per la sostenibilità, vinto da uno dei dieci protagonisti della serata: la OP CAI dei fratelli Scarcella, tra i pionieri dell’agrumicoltura biologica in Sicilia e oggi tra i principali produttori europei di limoni biologici.

E’ stato infine assegnato il premio Danila Bragantini riservato alle Super Donne dell’Ortofrutta con la Presidente Alessandra Ravaioli.

Il premio è stato vinto da Marianna Palella di Citrus l’Orto Italiano, per un progetto molto originale dal titolo: “Uomo non fare il broccolo”, che unisce un prodotto assolutamente salutare come il broccolo, una icona dell’Italian Fashion come le cravatte Marinella e un’istituzione scientifica come la Fondazione Veronesi, progetto con finalità benefiche e commerciali.

StorieBio non ha vinto, ma ha vinto comunque la comunicazione…quindi andiamo avanti a raccontare il nostro eccezionale Made In Italy. Brava Marianna.

[ I Protagonisti dell'Ortofrutta – Oscar e Premi ]Oscar dell’Ortofrutta 2020 a Gianmarco Guarnelli 🥇…Premio Danila…

Pubblicato da Simona Riccio su Venerdì 24 gennaio 2020

[ I protagonisti dell'ortofrutta – Tavola Rotonda ] Eccoci finalmente arrivati a Genova al Palazzo della Borsa dove…

Pubblicato da Simona Riccio su Venerdì 24 gennaio 2020

Una bellissima esperienza che ci permette sempre di capire quanto lavoro c’è da fare in questo settore. Io mi occupo di comunicazione e social media marketing e non posso che restare a disposizione del settore.

Il mio grazie va a Giorgia Pizzato del Corriere Ortofrutticolo e la direzione. Ogni Convegno dovrebbe dare la possibilità alle persone di condividere come se non ci fosse un domani.

Ed infine, ma non per importanza, alla mia Amica Maria Pia Paolillo e suo Fratello Gennaro perche tutto ciò, senza di loro, non sarebbe stato possibile e comunque così bello.

Se sei un’Azienda che credi di avere bisogno di me, contattami, sarò a disposizione con piacere.

Grazie

Simona


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here